Opinione · Scrittura

Una cosa che non fa male

Ci sono blog che potrebbero essere interessanti, ma peccano di trascuratezza.
Sorvolando sull’estetica e l’impaginazione della grafica che, comunque, sono importanti per rendere agevole la lettura dei post, trovo articoli con grossolani errori grammaticali che mi stupiscono un po’.

Fermo restando il fatto che il blog è territorio personale del titolare, credo che si dovrebbe avere cura almeno della grammatica.
Succede a tutti di cadere nella trappola dei refusi poiché non sempre riusciamo a vedere i nostri errori, anche rileggendo il testo che abbiamo scritto; i segni di interpunzione sono fondamentali ma, purtroppo, il loro uso, talvolta, è maldestro.
Rileggere il testo che scriviamo e dare un’occhiata alla grammatica non farebbe male a nessuno.

 

Le mie pubblicazioni

41 risposte a "Una cosa che non fa male"

  1. Hai perfettamente ragione, e faccio mea culpa: spesso nella fretta o nell’entusiasmo non rileggo e pubblico direttamente, il più delle volte scrivo di getto e mi sfugge qualcosa… poi mi capita di scovare errori allucinanti dopo mesi, che ovviamente correggo in ritardo, ma mi rendo conto che a me stessa irritano certe brutture grammaticali e soprattutto verbali 😅

    Piace a 1 persona

  2. 😟 lo so ma io il vizio di non rileggere non riesco a togliermelo, un po’ perché scrivo di getto, sull’onda emozionale del momento e un po’ perché se rileggessi…temo che alla fine direi…ma noooo…a chi vuoi interessi sta roba….via…cestino…probabilmente avrei solo 3-4 post!🙄 Perdonami se puoi!😬

    "Mi piace"

    1. Dai Demo, so distinguere chi scrive di getto e chi non sa proprio scrivere eh…
      In ogni caso una rilettura ti aiuterebbe ad apprezzare di più ciò che scrivi e che gli altri già apprezzano, magari riuscirestiti a migliorare ed essere più soddisfatto. 😉

      "Mi piace"

      1. No, no, io arrivavo sempre all’ultimo secondo a studiare, giusto in tempo per non essere bocciata. Avevo sempre 8 in condotta e qualche volta mi hanno anche sbattuta fuori dalla classe. Le cose sono cambiate all’università perché ero libera di studiare quando volevo e, soprattutto, non dovevo stare per ore chiusa in una scuola.

        "Mi piace"

      2. Università mai fatta che non c’erano soldi ma a scuola più che altro andavo bene la dove mi piaceva la materia o se il prof mi stava a genio! Negli altri casi facevo il minimo indispensabile!🙄

        "Mi piace"

      3. Però mi divertivo perché stavo sempre in fondo e urlavo come una pazza. Lei s’infuruava e non riusciva a capire chi era il colpevole. Pensa un po’ che orecchio aveva. 😂

        "Mi piace"

      4. Io pure stavo in fondo perché ero alto e mi mettevano sempre dietro. E mi facevo i cazzi miei solo che quello insisteva coi solfeggi e a me veniva da ridere quindi s’incazzava e mi spediva fuori!🙄

        Piace a 1 persona

  3. Penso che sia un’osservazione molto appropriata. A volte, a causa della velocità di pubblicazione, consentiamo la comparsa di errori. Soprattutto quando utilizziamo il traduttore, questi errori diventano più evidenti. D’ora in poi, proverò, tutte le volte che è necessario, a leggere prima di inviarlo per la pubblicazione. Grazie per la raccomandazione

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.