Diritti d'autore · Opinione · qualche pezzo di me

Ti amo

Ti amo.

Scrivendo credo di averlo detto tantissime volte. Con la voce un po’ meno, perché con la voce a volte “scappa” per colpa o merito di un attimo emotivamente immensamente piacevolmente profondo.

Quindi: piano con l’amore. A volte non è proprio tale. E’ molto più autentico l’affetto perché capita di affezionarsi a qualcuno o qualcosa, è un sentimento che ti coglie così senza presentarsi, arriva e te lo devi tenere. Può succedere anche con persone o cose che non ti stanno particolarmente simpatiche, però, chissà perché, ti ci affezioni. Succede, e non c’è una ragione precisa.

L’amore è ben altro. L’ho già manifestato nelle mie narrazioni, così: “Ti amo. E’ troppo bello scriverlo. Molto più facile che dirlo“. Penso sia una bella frase piena di verità.

E poi ci sono talmente tante varietà d’amore che “dirne” richiederebbe un trattato lungo tutta la vita dell’umanità, della terra e di tutte le sue creature.

Penso di conoscere bene l’amore per la musica, gli animali, la natura, nostra madre terra.

Il mio lupo Bò. Amore certo, amore vero
Mel: 14 anni di grande amore!
Le piante grasse generose di fiori
La bellezza naturale anche in Inverno

Non sopporto di buttare o sprecare cibo, compro ogni giorno quello che sono certa di consumare, cercando (con notevoli difficoltà) di non dar retta alla mia gola perché mi indurrebbe a nutrirmi quasi esclusivamente di dolci. Non lo butto mai via, se ho avanzi di una certa importanza lo distribuisco dentro i boschi pensando che qualche animale lo troverà.

Mangiare insieme è sempre bello

Nutro una forma di amore anche per gli oggetti, non per il possesso, ma per l’ammirazione che ho nei confronti dell’armonia e della bellezza delle “cose”. E poi se le “cose” vengono ben conservate durano di più e quindi ci sono meno sprechi. Le cose spesso hanno una storia da raccontare, hanno l’energia trasmessa da chi le ha possedute in precedenza, da chi le ha costruite, da chi ne ha tratto beneficio. Anche gli oggetti inerti hanno qualcosa da comunicarci. Le cose fatte a mano poi credo abbiano quasi un’anima. Guardate per esempio questo oggetto

Piccolo capolavoro

E’ una seggiolina costruita con lattine vuote da un ragazzo focomelico che le vendeva per strada a Madrid, ne ho già parlato in un post precedente. A gennaio 2010 stavo in una Madrid nevosa, ho incontrato il tipo in un vicoletto adiacente la piazza centrale della città. Mi ha colpita la scioltezza con la quale usava quei tentativi di mani appena abbozzate e appese alle spalle, mi sono innamorata di quell’essere totalmente disinvolto dentro la sua deformità che spariva dinanzi alla manifestazione della sua arte inventata per guadagnare qualche soldo. Empatia

Ho invece qualche difficoltà a riconoscere l’amore verso gli umani inteso come rapporto di coppia, nel mio caso uomo/donna poiché sono eterosessuale, ma sarebbe lo stesso se fossi lesbica o altro.

Sin dall’adolescenza (anzi volendo sottilizzare il mio primo batticuore l’ho avuto all’asilo) sono stata colta da innamoramenti. Più o meno importanti, qualcuno importantissimo. Però nessuno è mai diventato amore, forse per mia incapacità, per paura, per non attitudine, per inquietudine viscerale. Non ne conosco sinceramente la ragione. Sta di fatto che ho vissuto storie sentimentali profonde e coinvolgenti, ricche di turbamenti eccezionalmente intensi sia emotivamente sia sessualmente, ma sempre limitate nel tempo.

Invidio, (con grande onestà), le coppie che riescono a stare insieme tutta la vita, e non per forza d’inerzia, per convenienza, paura della solitudine, o peggio ancora nefasta dipendenza biunivoca, ma per sincero affetto, devozione e rispetto reciproco. Gente ormai in via d’estinzione purtroppo, ma sono certa di conoscerne un paio di queste coppie.

18 pensieri riguardo “Ti amo

  1. Tutto ciò che parte dal cuore è una forma di amore. Non importa neanche come possa essere recepita, e nemmeno importi aspettarsi grandi ricambi. Chi ha dentro di sé l’amore ha dentro di sé quella semplicità rara questo conta. Null’altro. La parola ti amo oggi è purtroppo molto inflazionata e spesso usata a sproposito… Meglio farla sentire con i gesti semplici e con le piccole cose.

    Piace a 1 persona

  2. Hai parlato di “tanti amori” qui, tante forme che condivido in pieno (animali, natura, buon cibo e arte).. Hanno tutti in comune l’affacciarsi all’altro e -soprattutto- la dimensione della cura. Amore è una parola deliziosa, ma al pari credo che lo sia “cura”. Tante volte ci si ritrova in situazioni dove abbiamo la convinzione di esserci innamorati, di aver dato tutto all’altro.. di esserci raccontati, aperti e fidati.. Dimentichiamo spesso che il tormento che deriva (mio modesto parere) da una relazione non corrisposta, da una non riuscita, da una interrotta, siano la disillusione connessa con la dimensione della cura. Mi prenderò cura di te, con amore, affetto pazienza e dedizione.. mal sopportando i tuoi difetti.. apprezzandone altri, nel tempo.. chiedendoti scusa quando avrò torto e accettando le tue di scuse, quando sarà necessario.. avrò cura di te e di me: se ce lo consentiremo. Adoro i tuoi post.

    Piace a 1 persona

  3. Bello quello che hai scritto.
    Io considero diverso l’amore per gli umani dalla passione che nutro per le cose che faccio o la simpatia che ho per alcuni animali.
    Per gli umani ho avuto pochissimi amori: mio marito, mia figlia, per tutti gli altri parenti si tratta di affetto, qualche volta di comprensione, per altri di sopportazione. Qualche cotta di gioventù non posso chiamarla amore.
    Le mie passioni invece sono per tutte le cose che amo fare con le mie mani, passioni coinvolgenti, durano da sempre e sono sempre in evoluzione e in fermento, in sperimentazione e appartengono a tutte quelle attività che riempiono le mie giornate e mi rendono godibile ogni momento della vita.
    Un abbraccio Nadia. Che la vita ti sia leggera e luminosa, anche e soprattutto, in questo periodo.

    Piace a 1 persona

  4. A me non piace dirlo a parole, proprio perché è un termine abusato da molti… Meglio dimostrarlo, poi quello per gli animali è proprio puro. E per il resto… Anch’io sono oggettofila come sai 😍
    E ora che ho letto tutta la storia del tuo cane, immagino ancora meglio…

    Piace a 2 people

  5. Buongiorno, seguo da tempo il tuo blog, sempre interessante, tangenziale in un certo senso.
    Mi ha colpito molto questo post. Parli di affetto e amore, e si vede bene. Poi dici che quelle due parole sono bellissime da scrivere. Credo profondissimamente in queste cose, ma sinceramente, proverei timore nel scrivere o dire quelle due parole, sono molto preziose, potrei dirle all’unica persona a cui le ho dette o dirò sempre, o ai miei gatti. L’affetto o l’amicizia é una forma di amore, l’empatia è una risonanza, l’amore in forma totale è un qualcosa di inesprimibile o spiegabile, una sorta di follia. Vedo che ti stai avvicinando al tuo, uso un termine non esatto, limite o steccato, o alla tua dimidazione, come direbbe Calvino. Forse più che le persone, il tuo lupo o la tua gatta possono fartelo percepire appieno.
    Bel pezzo, grazie 🙏 e scusami se sono entrato in questi frangenti

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.