qualche pezzo di me

Il solito perfido incubo

Da quando sono nata soffro di turbe del sonno che si manifestano con incubi inquietanti, spesso terrificanti. Ma, volendo allargare il senso del proverbio latino “Mater artium necessitas”, ammeto di aver trasformato alcuni sogni deliranti in racconti pubblicati sui miei libri, ad esempio questo:  “Una mano, due mani…” I fastidi maggiori sono la perenne mancanza… Continue reading Il solito perfido incubo

qualche pezzo di me

Il grande Torino

Sono passati 70 anni dalla tragedia di Superga Mio padre era un grande tifoso di questa squadra, aveva l’orologio uguale a quello che portava Valentino Mazzola e teneva come un tesoro una vecchia fotografia con gli autografi di tutti i giocatori che avevano perso la vita. Ho ereditato da mio padre gli unici suoi tesori.

qualche pezzo di me

Ricordi di osso buco

Da parecchio tempo ho smesso di mangiare carne, e non ho fatto fatica perché non mi è mai piaciuta. Però questa mattina mi sono svegliata con un ricordo nella mente, il ricordo degli ossi buchi con piselli che cucinava mia mamma. Li mangiavo volentieri e mi piacevano perché avevano un buon sapore. Sapore di mamma…

Life · qualche pezzo di me

Panico! Fatti avanti, ti frantumo come briciole di pellet (storie di gabinetto)

Ieri mattina, venerdì, al culmine di una settimana per me assai difficile, in fibrillazione continua dopo aver iniziato un nuovo lavoro trimestrale ottenuto con parecchia fatica, mi sono alzata dal letto alle sei e cinquantanove con solo quattro ore di sonno. Sono entrata in bagno con gli occhi appena fessurati, dopo tre secondi il mini… Continue reading Panico! Fatti avanti, ti frantumo come briciole di pellet (storie di gabinetto)