Ambiente · animali · Cronache collinari · Insofferenza · Lifestyle · Opinione · Stombrini

Tedio, non tedio

Quando scrivo una cosa carina e affettuosa e qualcuno capisce l’esatto contrario, ci resto male ma non mi arrabbio.
Arrabbiarsi per queste facezie è uno spreco di energia mentale inutile, perciò non sto a tediarvi con parole in negativo.
Preferisco annoiarvi condividendo una delle mie solite piccole gioie che non smetterò mai di propagandare.

Ieri, durante i soliti dieci chilometri in Altacollina

sono stata accompagnata per un breve tratto da un giovane capriolo come lui, ma questa è un’immagine presa dal web

quello che o visto io, in quattro balzi, s’è imboscato qui prima che io riuscissi a prendere il telefoto

Perciò oggi accontentatevi di ammirare gli stupendi sandaletti che indosso, acquistati in saldo pagando la rispettabile cifra di 6 (sei) euro.
A quello sinistro manca qualche perla perché mi sembravano troppo sbarluccicosi, quindi ho dato un tocco di personalità rendendoli diseguali.

E pensate che ne ho visto un paio in centro città, praticamente identici, a 79 euro sempre in saldo.
Forse erano griffati, ma i miei portano il mio marchio, quindi sono esclusivi.

52 risposte a "Tedio, non tedio"

  1. tenerissimi i caprioli, temo sempre per la loro incolumità, spesso capitano travolti dalle auto sulle statali..
    belli i tuoi sandali evaporati, del resto è bello personalizzare le cose per renderle “proprie”

    Mi piace

  2. Splendido il capriolo. Ce ne sono molti dalle tue parti? Qui da noi, al massimo, posso incontrare un vitellino sfuggito dalla stalla o un paio di galline vagabonde. Però in giardino ho una famiglia di gazze che fanno incavolare tortore e merli.
    Ciao Nadia. Buon pomeriggio, da noi tuona e lampeggia, forse pioverà.

    Mi piace

      1. Da noi cacciano solo lepri e fagiani, qualche quaglia, gli altri uccelli sono tutti emigrati nei nostri giardini dove è, naturalmente, vietato sparare e devastano orti e alberi da frutto, uva, fragole, more e tutto ciò su cui riescono a mettere il becco. Poi sono arrivate anche le gazze e le cornacchie e hanno deciso di albergare qui nei giardini visto che ci sono così tanti nidi e uccelletti di cui cibarsi, in concorrenza con tutti i gatti che pascolano da queste parti.

        Mi piace

      2. Si ed è tutto un gracchiare, pigolare, cinguettare, miagolare, tubare, fischiare…e io che ugni tanto cerco di zittirli un po’, ma quando esco in giardino sono loro che mi urlano contro: sono padroni loro del territorio!

        Piace a 1 persona

      1. Ti sarebbe piaciuta molto la piscina quadrupla del circolo golfistico in cui ho lavorato per 14 anni come segretaria di direzione e tecnico per la gestione delle gare, benché i golfisti non siano tutti estimatori della “finezza”. 😉

        Mi piace

      2. Il circolo golfistico è il regno del pettegolezzo, ho un dossier intitolato “Le losche trame”. Dalla mia posizione di segretari di direzione e tecnico potevo osservare tutto e tutti. 😉

        Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...