Ambiente · animali · comunicazione · Opinione

I boschi che nessuno di noi vedrà mai più

Cent’anni fa,
dopo la prima guerra mondiale,
i boschi dell’Altopiano di Asiago
si presentavano così

Per tornare all’antico splendore
gli alberi
hanno impiegato cento anni

Poi è arrivato il vento,
forte, anomalo,
“mai visto così”
dicono gli indigeni.
E i boschi son tornati così

Noi, vivi di oggi,
non faremo in tempo
a rivederli belli e rigogliosi,
poiché occorrono altri cento anni
per recuperarli

Meditate, umani, meditate…

30 risposte a "I boschi che nessuno di noi vedrà mai più"

  1. Meditiamo cara Evaporata. Ma tanto è sempre stato così. Gli antichi, che io favoleggio tanto, erano più sterminatori di alberi di noi. Poiché costruivano le navi commerciali e da guerra in legno.

    Certo, oggi ci avviciniamo al punto limite in cui saremo 10 miliardi. Che fare? OGM a tutto randello, piante, animali (e uomo): alberi 🌲 che crescano più in fretta, persone 👩🏻🧔🙍🏾‍♂️💃🏼 capaci di resistere al caldo, al freddo, alle radiazioni cosmiche (e ai manovratori sobillatori: rafforzato senso etico ecc.)

    Mia personalissima (e provocatoria, OK) opinione. Ma personalmente non vedo quale altra strada ci possa essere, anche perché, mia nipote Sofia, che ha tre mesi, pare, secondo un mio amico demografo, che arriverà a più di 100 anni e, se longeva, un bel po’ di più.

    Diventeremo cannibali? 😳😰😱

    Mi piace

    1. È un’impresa impossibile perché dovrebbe collaborare l’intera umanità Non riusciamo a metterci d’accordo con i nostri parenti, figurati con estranei. E poi c’è aempre dio denaro che comanda 😫

      Mi piace

    1. Purtroppo succede in tutto il mondo. Non comprendo come (tra i tanti) quel decerebrato di Trump si ostini ad andare contro la natura con tutti gli uragani, tifoni, tempeste che devastano il suo regno. :-/

      Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.