i miei libri · LETTURE · LIBRI · Scrittura

Una storia in anticipo sui tempi

VIRUS CON.02

Come tutte le mattine Alex ascoltava i notiziari mentre si preparava per uscire. Normalmente le parole del conduttore gli scivolavano addosso senza turbarlo ma, in quel periodo, seguiva con più attenzione le informazioni riguardo le influenze virali poiché doveva portare a termine un lavoro importante e non poteva permettersi di perdere tempo con i malanni.

Non s’era mai vaccinato e non intendeva farlo nemmeno quell’anno nonostante gli allarmismi per il nuovo virus derivante dai maiali. Possedeva un fisico particolarmente ricco di difese immunitarie naturali, perciò seguiva l’andamento della situazione giusto per capire l’entità del rischio.

La sua attenzione fu però attratta in modo particolare quando venne diffusa la previsione per l’anno a venire: “Pare che dopo mucca pazza, l’aviaria e l’influenza suina, sia previsto per il prossimo inverno l’arrivo del virus CON.02, già soprannominato “la coniglina” poiché uno dei principali effetti collaterali colpisce esclusivamente i soggetti maschi sessualmente attivi, provocando eiaculazioni particolarmente precoci per un lungo periodo successivo alla guarigione”.

Alex sussultò e sentì il cuore battere come un tamburo. Se quella notizia fosse stata veritiera il suo lavoro avrebbe potuto essere gravemente compromesso: lui era un famoso e apprezzato porno divo nel pieno fulgore della carriera, un guaio del genere l’avrebbe seriamente danneggiata.

Certo, al momento non aveva di che preoccuparsi, ma non poteva aspettare che arrivasse quell’infausta pestilenza per difendersi, doveva assolutamente prevenire ogni possibilità di rimanere contagiato.

Il giorno seguente consultò il suo medico personale per conoscere i dettagli, ma l’uomo ancora non aveva informazioni in merito e cercò di rassicurarlo affermando che certe notizie andrebbero verificate e comunque il problema era lontano.

Alex non si sentiva affatto tranquillo perciò chiese consigli a “Samantha la fattucchiera che incanta”, da sempre sua guida spirituale.

“Capisco i tuoi timori figliolo – disse Samantha – e, purtroppo, in questo settore non posso intervenire: con quei ficcanaso della televisione sempre in agguato preferisco evitare di sostituirmi alla scienza convenzionale. Però ho un carissimo amico – laureato in medicina perciò a posto con la legge – che ha vissuto parecchi anni nella foresta Amazzonica accanto a un vecchio stregone indio, imparando da lui tutti i segreti dei medicamenti alternativi…e anche esoterici” Sussurrò la donna portandosi una mano a lato delle labbra, come a evitare che qualcuno ascoltasse i loro discorsi benché fossero soli in casa. “Tieni, questo è il suo indirizzo, vai dicendo che ti mando io. E’ un portento e compie autentici miracoli. E ora accomodiamoci in camera da letto, sai che io non voglio compensi in denaro”.

Il giovane non perse tempo e, in gran segreto, si recò dal Dott. Prof. Bonaventura Descalzi dei Conti di Biancamano specialista in medicine alternative, diplomato in spinopuntura parauricolare prostatica maschile, nonché impositore di mani dotato di energia suprema con poteri altamente taumaturgici documentati da illustri scienziati di tutto il mondo.

Il posto d’onore spettava alla carica di Gran Ciarlatano presso la corte del Visir del Fankazisthan.

Tutto questo, più una fitta serie di altre peculiarità scritte in micro caratteri, osannava la targa posta all’ingresso della grande villa isolatissima e immersa dentro un parco che la proteggeva da sguardi estranei.

Essendo stato raccomandato da Samantha riuscì a ottenere la massima fiducia dall’illustre luminare e, quindi, fu ricevuto immediatamente.

Il Prof. Descalzi ascoltò con attenzione quanto esposto da Alex. Lo esaminò brandendo un lungo femore di natura indecifrabile, percorrendone con attenta leggerezza tutto il corpo.

Poi, con fare serioso, sentenziò: “Mio caro ragazzo sei sano come un pesce, perciò credo che la possibilità di un contagio per te sia assai remota. Ho sentito anch’io parlare di questa…coniglina, al di là del fatto che si tratta della prossima stagione, penso che non porterà gravi conseguenze nella popolazione. Comunque se vuoi stare tranquillo, il rimedio per te lo troviamo senza troppa fatica. Per adesso non pensarci, quando si presenterà il problema torna qui e provvederemo immediatamente”.

“Dottore io non posso permettere che il problema “si presenti”, non voglio nemmeno incontrarlo da lontano. Perciò non m’interessa se ancora non v’è traccia di questa malattia, voglio essere pronto in ogni caso. Anzi voglio proteggermi subito e non pensarci più, il mio lavoro richiede la massima tranquillità e concentrazione. Sono disposto a tutto pur di non correre rischi seppur remoti”.

“In qualità di serio professionista devo informarti che i medicamenti assunti in assenza di malattie sono inutili, se non addirittura dannosi. Nella fattispecie parliamo di una patologia ancora lontana, temo che la tua apprensione sia esagerata…”

“La prego eminenza cerchi di capire, non riuscirei più a lavorare serenamente. Le ripeto sono disposto a tutto…se è una questione di denaro…”

“Non si tratta assolutamente di questo. Comunque, se proprio insisti, ci sarebbe una cura – in questo caso “sperimentale” poiché ancora non si conosce a fondo la natura del nuovo virus – di cui io sono inventore casuale perché, in realtà, l’ho ideata per problemi di carattere specificatamente sessuale e non per curare le conseguenze di un’infezione virale. Ma, dal momento che l’effetto è proprio di evitare ciò che temi, penso che non si possa trovare niente di meglio. Mi sento in obbligo di informarti che saresti il primo uomo a utilizzare questa formula di medicamenti non allopatici, i cui frutti collaterali non sono del tutto noti ma, in ogni caso, non pericolosi. Potrebbe verificarsi un prolungamento temporaneo dell’erezione con mancanza totale di eiaculazione, insomma una specie di effetto Viagra tanto per intenderci”.

“Questo non è un problema. Se dovesse verificarsi tale ipotesi abbiamo i mezzi per fingere l’eiaculazione durante le riprese. Non penserà che abbia continuamente orgasmi quando lavoro…” Affermò Alex sorridendo.

“Bene, allora non ci resta che procedere. Preferisci iniziare subito, o attendere l’inizio della prossima stagione? ”

“Partiamo immediatamente, così elimino il problema e torno a dedicarmi completamente al lavoro”.

Il luminare fregiato di infinite cognizioni sulle più disparate forme di medicina consegnò al paziente tre flaconcini contenenti liquido di colori differenti: giallo, viola e blu, da assumersi in tre sere consecutive prima di dormire.

Il nostro uomo seguì alla lettera le istruzioni impartite dal medico. Dopo i primi giorni di apprensione, in cui era attento alle reazioni del proprio corpo dovute all’assunzione dei medicamenti, cominciò a sentirsi in forma più che smagliante, uno stato di benessere generale che, pur essendo sano e vigoroso, non aveva mai conosciuto.

Dimenticò virus, influenze, coniglina e crucci di ogni genere. Si buttò nel lavoro con tenacia, caparbietà e bravura tali che in breve tempo divenne il porno divo più richiesto anche oltre oceano. Il suo membro non solo aveva raggiunto dimensioni quasi da primato, ma anche un’espressività mai vista: “gli manca la parola” diceva qualcuno; era bello come lo scettro di un re, svettava sulla scena catturando l’attenzione di chiunque in maniera ipnotica. Insomma chi vedeva quel fantastico pene ne subiva il fascino restandone ammaliato.

Alex divenne celebre e rinomato al punto da offuscare la fama del mitico John Holmes. Le sue finanze aumentavano smisuratamente e il successo divenne planetario.

Quando arrivò la famigerata coniglina lui non ci fece nemmeno caso: si sentiva al sicuro e la salute era più che eccellente.

Il suo benessere aveva raggiunto livelli eccelsi in ogni settore della vita, davvero non poteva chiedere di più!

Si era persino fidanzato con Miss America e con lei viveva in una lussuosa villa in riva al mare della Florida. Ogni sera, prima di coricarsi, i due si sdraiavano sulla terrazza per un ultimo drink ammirando il firmamento.

Continua su questo libro, clicca sull’immagine

5 pensieri riguardo “Una storia in anticipo sui tempi

  1. Tu sei avanti. Molto avanti. Forse “troppo” 😉
    P.S.: finiti i due che mi avevi consigliato (“La Bambina Surgelata” + “Maldestra e Mancina”), per curiosità ho preso e letto anche questo. Per alcuni versi, sorprendente ! Per altri mi ha fatto chiedere se l’avessi scritto tutto tutto proprio tutto tu. Ci sono alcune cose che sembrano più frutto di una mente maschile, ma poi mi sono ricordato che sei un essere di un altro mondo, e tutto è andato a posto.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Albè, mi dai una gande gioia.
      Non hai sbagliato valutazione nel osservare un mante maschile in certi racconti, però li ho scritti tutti io perché per certi versi io ragiono cone un uomo.

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.