Lampostorie di Evaporata · LETTURE · LIBRI

O.P.: un racconto a puntate – 3

Prima di proseguire si consiglia la lettura delle puntate 1 e 2

POPOLI DELLA TERRA

Fase III

“Eccola qua! Visto? Non è successo niente. Esattamente come l’abbiamo lasciata ieri sera: dentro la sua scatoletta un innocuo lembo di chiamiamola stoffa, non morde, non punge…”

“Meglio così! Adesso chiama subito il numero, andiamo a consegnarla e non ci pensiamo più. E’ nostro dovere seguire le istruzioni.”

“Va beeeene! Andiamo a telefonare…”

“Guarda un po’ in giro, se non ci sono dei replicanti…altri pezzi di stoffa che si piazzano in casa e poi si trasformano. Ricordati quel film dove portavano i piselli che contenevano i cloni degli umani…”

“Sì me lo ricordo, anche tu non ne hai perso uno eh…blateri tanto, ma questa faccenda sta prendendo pure te…”

“Ovvio! Non succede mica tutti i giorni un fatto del genere.”

“In giro non c’è niente, dai andiamo a telefonare.”

“Prego signora s’accomodi da questa parte. Per cortesia compili questo modulo con i suoi dati e mi consegni il reperto. Appena finito, può andare tranquillamente a casa senza crucciarsi, ci occupiamo noi di tutto.”

“Sì, ma è possibile sapere di che si tratta? Conoscere qualche particolare, avete informazioni precise su quanto accaduto? I media, dopo i primi comunicati, tacciono e la cosa mi preoccupa un po’, e penso non sia solo mia l’apprensione. Insomma! Rischiamo un’invasione aliena, come possiamo rimanere indifferenti.”

“Le assicuro che nessuno corre rischi. E’ tutto a posto e sotto controllo. Presto verrà diffuso un comunicato che chiarirà ogni particolare.”

“Ma come, mi manda via così…io…”

“La prego, stia serena per favore. Ci sono altre persone in attesa…”

“Bene, ora che ci siamo sbarazzati del pericoloso reperto sarai soddisfatto.”

“Certo! Abbiamo eseguito le indicazioni togliendoci un impiccio che poteva metterci nei guai.”

“Adesso vediamo che cosa succede.”

“Che cosa ti hanno detto quando hai consegnato l’oggetto?”

“Niente di particolare. Ho provato a chiedere informazioni, ma mi hanno risposto di stare tranquilla che non ci sono pericoli, che è tutto a posto. Anzi gli addetti al ritiro non avevano per niente l’aria di scienziati o studiosi o comunque gente del settore, sembravano piuttosto personale di rappresentanza. Mi hanno liquidata in modo troppo sbrigativo secondo me. Sento puzza di…pericolo, ci stanno nascondendo qualcosa. E’ una faccenda che non mi piace.”

“Non ci resta che attendere gli eventi. Dai metti da parte l’ansia e rilassati così posso tornare a casa anch’io, se hai bisogno chiamami. In ogni caso ci sentiamo questa sera.”

“Va bene, ciao Gianni e…grazie.”

…Continua domani

Una risposta a "O.P.: un racconto a puntate – 3"

I commenti sono chiusi.