animali · Comunicare con le immagini · comunicazione · Opinione

Cronache macabre dal paesello

Domenica mattina, facendo la solita passeggiata nei boschetti vicino al fiume, un mio amico ha trovato questo spettacolo orripilante

Una gallina appesa per le zampe con la testa mozzata; intorno e sotto la poveretta c’erano tante candele bianche e rosse, pop corn, farina gialla, semi neri, gusci d’uovo e altre sostanze non indentificate, oltre a bottiglie di acqua e superalcolici.

Sotto l’albero successivo c’erano ancora candele, fette di melanzana, chicchi di mais, farina gialla, semi neri e ancora sostanze ignote; mentre, sul tronco si vedevano uova frantumane contro la corteccia.

Sono stati subito avvisati i vigili che erano in giro per il paese; i cantonieri hanno fatto pulizia, ma noi siamo andati ad indagare intorno al luogo del fattaccio e abbiamo trovato, nelle civinanze, altri resti di altri riti compiuti in precedenza.
Siccome il boschetto si trova proprio sotto il parcheggio di una delle discoteche del paese, in un primo momento abbiamo pensato alle solite “ragazzate del sabato sera”, ma di una gravità molto pericolosa e con possibilità di declinazioni peggiori. Tuttavia, osservando che la cosa si è ripetuta in tempi antecedenti, potrebbe anche trattarsi di sette poco raccomandandabili, in entrambi in casi è necessario porre rimedio.

Questa mattina ho parlato col sindaco, pregandolo di avvisare i carabinieri, per far luce su questa brutta storia.

33 pensieri riguardo “Cronache macabre dal paesello

  1. Forse ci vorrebbe un po’ di fame vera. Non come quella che paventano per metterci paura, proprio quella che non abbiamo mai visto, la FAME.
    Voglio vedere poi chi spreca polli, melanzane e mais per giocare alla setta satanica. Sai se li becca la mamma quante mestolate ?

    Non voglio suggerire cose che potrebbero essere pericolose, però mi è tornata in mente una cosa. Nei pressi della casa dove passavo l’ estate al mare, c’ era un casale abbandonato, frequentato da gente di tutti i tipi (a seconda del momento della giornata, coppiette, tossici, spacciatori) ma un anno specifico era stato preso di mira da un gruppo di ragazzi che facevano cose così. Non era gente del posto, ci venivano da fuori, si vedeva dalle macchine parcheggiate lungo la strada sterrata d’accesso.
    Questa cosa non è stata tollerata granchè dagli ultimi due gruppi di persone (tossici e spacciatori, le coppiette avevano tranquillamente cambiato posto).
    Per due volte di seguito si sono limitati a tranciargli tutte le gomme di tutte le macchine.
    La terza, visto che non desistevano, gli hanno fatto vedere il vero “lato oscuro”. Credo siano volate più sprangate lì che in curva allo stadio: alla fine sullo stradello c’erano almeno quattro ambulanze oltre a tutte le forze dell’ ordine del paese e di due paesi vicini. Non so se hanno continuato a fare i satanisti, sicuro nel caso l’ hanno fatto altrove.

    Piace a 1 persona

    1. Lì, non ci vanno i tossici nè gli spacciatori che operano nella città vicina; è una stradina vicino a torrente dentro la boschina. Considerando che le discoteche sono aperte solo in estate, e i riti sono ripetuti da tanto tempo, non penso siano ragazzini.

      "Mi piace"

  2. Beh, di idioti è proprio pieno il mondo…pensare che ci sia in giro ancora gente che crede e pratica queste imbecillità ai giorni nostri…deve trattarsi di zucche vuote che non hanno altro da pensare.

    Piace a 3 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.