i miei libri · Opinione · qualche pezzo di me

L’importanza di un tatuaggio

Le solite statistiche rivelano che un italiano su quattro è tatuato, quindi il 25% della popolazione.
Se in queste statistiche sono compresi anche bambini, anziani e persone impossibilitate a farlo, direi che è una percentuale abbastanza alta.
Personalmente, l’ho già scritto in altri post, non ho alcun tatuaggio e pare che questa controtendenza stia diventando una forma di originalità.
Come già spiegai il caso e il tempo han fatto sì che la mia pelle sia rimasta libera.
Un tempo mi piaceva vedere persone con disegni più o meno fantasiosi sul corpo ma, non amando le esagerazioni, attualmente trovo soggetti talmente verniciati da far quasi ribrezzo, qualcuno dà l’idea di avere malattie della pelle.
Sorvolando su quei fenomeni da esibizionismo folle che credono di trasformarsi in animali, elfi o altre creature mitologiche, ognuno è libero di addobbarsi come meglio crede, anche se cattivo gusto e trasmodamento penso facciano male a chiunque.
Tuttavia, un paio di anni fa, vidi un giovane uomo con un tatuaggio interessante: sulla parte posteriore del braccio aveva tatuate, completamente in nero, le sagome di una cane seduto con il muso alzato ad osservare un umano in piedi che ricambiava lo sguardo, entrambi ritratti di schiena.
Ecco, quel tatuaggio m’è piaciuto tantissimo, semplice, esplicativo e carico di significato.
Un tatuaggio che avrei potuto portare anch’io benché, attualmente, non mi dispiaccia essere considerata stravagante perché non ho alcun marchio sulla pelle.

31 pensieri riguardo “L’importanza di un tatuaggio

  1. non sono tanto d’accordo con la prima metà dell’articolo, finchè non fa del male a nessuno per me una persona può anche tatuarsi il corpo intero o farsi le orecchie a punta da elfo, dire che fanno addirittura ribrezzo,che è solo esibizionismo folle o cattivo gusto mi sembra esagerato, per me è libertà di espressione e arte

    Piace a 1 persona

      1. nono sicuramente non volevo darti dell’ipocrita, pensavo solo non fosse una cosa tanto carina da dire ma tutto qui, puoi comunque dire quello che vuoi e dove vuoi 🙌

        "Mi piace"

  2. una delle prime cose di cui mi stupii qui a Varsavia è stato l’elevato numero di ragazzi con i tatuaggi, ragazze soprattutto. Io non ne ho. Non so se me ne farò uno, ho un’idea fissa da qualche anno quindi vuol dire che potrebbe essere una buona idea, altrimenti l’avrei scordato presto. Sarebbe il simbolo del KA con ai quattro vertici l’ iniziale del nome dei miei genitori, di mia sorella e mio ovviamente. Il KA è dalla saga della Torre Nera di King, indica un gruppo di persone legate dallo stesso destino, sarebbe un modo per riavvicinarmi a loro.

    Piace a 1 persona

  3. Io ne ho fatto solo uno a quarant’anni un gabbiano stilizzato disegnato da me sulla spalla destra è l’unico tatuaggio che ho avuto il coraggio di fare… mi sarebbe piaciuto un altro tribale ma alla fine ci ho rinunciato… mi son detta uno basta e avanza…😀

    Piace a 1 persona

  4. cito: “stravagante perché non ho alcun marchio sulla pelle.”
    mi piace questa definizione ^_^
    Sinceramente io ho sempre pensato di farmi un tatuaggio, ma non ho mai deciso quale e dove… quindi nell’indecisione non l’ho mai fatto… mi frenava anche il fatto che se capiti male e il tatuatore sbaglia poi sono fatti tua! (a un paio di amiche è capitato)
    ovvio che, come è nel mio carattere, avrei fatto un piccolo disegno sul polso o sulla caviglia nulla di troppo vistoso… sinceramente chi ha tutto il corpo pieno mi sembra esagerato, però sono anche dell’idea che se piace a loro va bene, scelte che rispetto!

    Piace a 1 persona

    1. La penso esattamente come te, quasi tutte le mie amiche hanno tatuaggi, chi più, chi meno. Gli uomini che conosco, che spesso sono musicisti, sono tutti tatuati, qualcuno additirttura ne ha il corpo totalmente coperto. Però i musicisti di solito hanno storie da raccontare sulla pelle. 🙂

      Piace a 1 persona

      1. Esatto… per alcuni è una forma di espressione, un modo per rendersi unici, per raccontare o raccontarsi al mondo o a se stessi🤗
        Io rispetto tutti e tutto ciò che può piacere o far stare meglio, basta che non si leda l’altro, insomma che ci sia reciproco rispetto e buon senso 🙏

        Piace a 1 persona

Rispondi a cherry Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.