Freak · Lifestyle

LA STRADA E UNA CITTA’ PER SCRIVERE

Di questa canzone Ron aveva fatto la cover in italiano, tanto tempo fa. Mi piaceva anche in italiano perché si poteva cantare.

L’apprezzo ancora oggi soprattutto perché nel testo tradotto ci sono alcune frasi che, prese separatamente ed estrapolate dal significato della canzone, io ritengo emblematiche per me.

Cominciando dalla prima: “Tu scrivi anche di notte, perché di notte non dormi mai”. E’ vero io di notte non dormo mai perché sogno e di giorno scrivo i miei sogni. Sogni elaborati, pesanti, faticosi, di quella fatica che è sofferenza. La maggior parte delle volte mi sveglio sudata fradicia, io che non sudo mai nemmeno in piena estate.

“Caffè alla mattina, puoi fumarti il pomeriggio”. Adesso che mi manca un lavoro, comunque non mi sveglio mai tardi la mattina, faccio colazione doppia e poi tanto caffè. Il pomeriggio non me lo fumo, lo godo sempre in maniera differente: oggi, per esempio, essendo la classica giornata autunnale di quelle che la mattina è uguale all’imbrunire, uggiosa, umidissima e malinconica, mi piace rimanere in casa a scrivere, leggere e ascoltare musica. E’ un piacere che non avevo da almeno due lustri poiché ho sempre lavorato tutte le feste di tutto l’anno.

“Raccontare dei successi e dei fischi non parlarne mai”. La maggior parte delle persone forse usano questo atteggiamento, per me è il contrario, annoto soprattutto le partite perse.

“Se il tuo nome non è sui giornali, lo si fa dimenticare”. Ultimamente non basta mostrare culi e tette, togliere le mutande, cagare o baciare stupidamente qualcuno del proprio sesso su un palco per finire in copertina, serve bene altro. Per questo si arriva anche ad ammazzare. Ammazzare rende famosi ormai lo sanno tutti, dopo qualche giorno di carcere si scrivono libri e si fanno film.

“Lungo la strada tante facce diventano una che finisci per dimenticare”. Percorrendo il sentiero della vita incontriamo tante persone, quando non restiamo aggrappati per necessità a qualcuno facciamo presto ad archiviarle come merce scaduta.

“I tuoi amori dove sono andati”. Sono stati, e sono andati. Qualcuno so dove, ma anche gli altri non li ho dimenticati. Sono nello scrigno dentro il cuore, i segni che hanno lasciato sono ormai rimarginati ma non saranno mai cancellati.

“Hai davanti una canzone nuova e una città per cantare”. Scrivo sempre canzoni nuove…non so se troverò ancora una città per cantare.

 Testo in italiano

Grandi strade piene
vecchi alberghi trasformati
tu scrivi anche di notte
perché di notte non dormi mai,
buio anche tra i fari
tra ragazzi come te
tu canti smetti e canti
sai che non ti fermerai
caffè alla mattina
puoi fumarti il pomeriggio
si parlerà del tempo
se c’e’ pioggia non suonerai
quante interurbane
per dire “come stai?”
raccontare dei successi
e dei fischi non parlarne mai
e se ti fermi
convinto che ti si può ricordare
hai davanti un altro viaggio
e una città per cantare
alle ragazze non chieder niente
perché niente ti posson dare
se il tuo nome non e’ sui giornali
lo si fa dimenticare
lungo la strada
tante facce diventano una
che finisci per dimenticare
o la confondi con la luna
ma quando ti fermi
convinto che ti si può ricordare
hai davanti un altro viaggio
e una città per cantare
grandi strade piene
vecchi alberghi dimenticati
io non so se ti conviene
i tuoi amori dove sono andati
buia e’ la sala
devi ancora cominciare
tu provi smetti e provi
la canzone che dovrai cantare
e non ti fermi
convinto che ti si può ricordare
hai davanti una canzone nuova
e una città per cantare

Testo originale

Highways and dancehalls
A good song takes you far
Your write about the moon
And you dream about the stars
Blues in old motel rooms
Girls in daddy’s car
You sing about the nights
And you laugh about the scars
Coffee in the morning cocaine afternoons
You talk about the weather
And you grin about the rooms
Phone calls long distance
To tell how you’ve been
Forget about the losses, you exaggerate the wins
And when you stop to let ‘em know
You’ve got it down
It’s just another town along the road

The ladies come to see you
If your name still rings a bell
They give you damn near nothin’
And they’ll say they knew you well
So you tell ‘em you’ll remember
But they know it’s just a game
And along the way their faces
All begin to look the same
And when you stop to let ‘em know
You got it down
It’s just another town along the road

Well it isn’t for the money
And it’s only for a while
You stalk about the rooms
And you roll away the miles
Gamblers in the neon, clinging to guitars
You’re right about the moon
But you’re wrong about the stars
And when you stop to let ‘em know
You got it down
It’s just another town along the way

4 thoughts on “LA STRADA E UNA CITTA’ PER SCRIVERE

  1. You woke me up. As always.
    Sono tornato stanotte. Notte tra le stelle dello Stretto di Messina; quante ne ho viste; alternandole con le aurore boreali. Incredibile. Che bella vita.
    Tra le strofe di “una città per cantare” ho sempre amato quella che non capitava mai: “e non ti fermi, convinto che ti si può ricordare”. Era il sogno nascosto, mai realizzato: essere riconosciuto fuori dal contesto.
    Una volta ho anche incrociato anche Ron in un autogrill ma non mi sono presentato. Poi dopo tanti anni, smessa la musica, in un autogrill, presso Taormina, una mattina di inverno alle sei – mentre andavo al lavoro (un altro lavoro) – il “benzinaio” mi guarda e mi chiede: “ma tu non sei?”. Si, ero io. Che magia. Le mie tre colleghe di lavoro, ancora assopite in auto, sono rimaste basite: avevano un autista “famoso”. Già non mi vedevano di buon occhio e questo ha fatto traboccare il vaso della cattiveria.
    Oggi, leggendo la tua pubblicazione ho provato quella medesima sensazione. Grazie.
    Renato

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...