Lifestyle · Opinione

“Tu sei lei”, sottolineature di un’ovvietà

Io sono lei 😀

“Tu sei lei” è un canzone di Ligabue che un amico ha postato su un social network, scrivendo “dedicata a tutte le Donne” specificando di porre attenzione sulla D maiuscola. Ovviamente solo lui sa veramente che cosa intenda dire, e chi sono queste Donne con la D maiuscola.

Un uomo lo ha detto a me un mese fa. Non sono andata oltre la lusinga momentanea, e non ho chiesto lumi poiché era sottinteso un apprezzamento spontaneo e sincero, senza secondi fini.

Tante volte ho sentito per radio questa canzone, ma solo dopo averla vista sul diario dell’amico ho ascoltato il testo. Belle parole. Effettivamente se qualcuno me le dedicasse potrei esserne lusingata. Quale donna non lo sarebbe? Però mi viene subito in mente che io non sono LEI. Sono io. E basta. Lapalissiano certo, al punto di sentire le necessità di dire ciò che penso sull’argomento “tu sei”, rivolto a chiunque. Io penso che ognuno di noi è semplicemente quello che è con tutti i pregi e i difetti nel corredo personale e caratteriale.

Nessuno sarà mai esattamente come noi lo vogliamo.

Il nostro desiderare ci porta a riporre dentro le persone le nostre inconsce preferenze, più o meno umane, e più o meno romantiche in caso di relazioni sentimentali. Questo, talvolta, induce delusioni in tempi successivi poiché, esaurito l’entusiasmo iniziale, la mente va oltre i nostri desideri e apre nuove immagini di quella persona che avevamo voluto vedere nel modo più gradevole e a noi confacente. Anche in questo caso potrebbe, comunque, essere una visione errata perché la delusione ci propone lati negativi della medesima persona che forse nemmeno sono veri.

Detto ciò, vedo una oggettiva impossibilità a vestire chiunque con un abito caratteriale perfetto.

Siamo esseri umani e non infallibili calcoli matematici, siamo mutevoli e ondivaghi; il tempo, le occasioni, le situazioni, e molti altri fattori possono modificare il nostro modo di pensare e di agire, anche se siamo le persone più affidabili ed equilibrate della terra.

Elucubrazioni acrobatiche in un giorno soleggiato di ottobre.

23 thoughts on ““Tu sei lei”, sottolineature di un’ovvietà

      1. Non conosco Nadia, ma mi fido di te. Nel senso che leggo da poco il suo blog, ma lo trovo interessante, quindi mi fermo volentieri. Un abbraccio forte amica mia, spero tu stia meglio!! 😊😊😊

        Liked by 1 persona

  1. Avevo letto una breve storiella in cui una moglie, per anni, si lamentava con il marito per i suoi difetti e cercava, giorno dopo giorno, di limarli un po’, di modificarli, pensando che in questo modo il loro amore si sarebbe rafforzato. E ci è riuscita, a cambiarlo. Ma si è trovata, successivamente, ad avere un altro problema: suo marito non assomigliava più alla persona che aveva sposato, e a lei non piaceva.
    Viva i difetti, dunque, perché sono quelli che ci distinguono e sui quali possiamo prenderci in giro 😀 sono molto d’accordo con tutto ciò che hai scritto! 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...