blog che seguo · Cinema · Opinione

THX 1138.

Rebus Sic Stantibus

Grazie o Thx. Come volete abbreviamo. Oggi siamo abituati a queste abbreviazioni da linguaggio metatecnologico. 1138 ci ha aperto la visione del mondo che viviamo adesso. Straniamento, perdita dell’individualità, database omnipresenti, anafettività, tallone di ferro sulle nostre menti (e sui corpi). Quest’anno cade l’anniversario di questo film low-cost del giovane George Lucas. 50 anni fa il talento visionario di Lucas ci regalava questo piccolo capolavoro senza tempo. Rivederlo oggi non fa neanche sorridere come spesso accade per la sci-fi di serie B di quei tempi. Fa paura.

Asciutto ma completo, già allora il George regista centra il segno con uno stile già sicuro. Un uso del “limbo” latteo perfetto. “La vita sotterranea del film venne girata negli spazi del Marin County Civic Center, uno dei pochi edifici pubblici tra le tantissime opere realizzate dall’architetto Frank Lloyd Wright. La stessa struttura è stata usata anche nel film Gattaca – La porta…

View original post 29 altre parole

2 pensieri riguardo “THX 1138.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.