Musica · Opinione

Cambiano stili e contenuti, ma non la qualità

Il tema del programma “Techetechetè” del 4 settembre era “nostalgia d’amore”, titolo alquanto stuzzicante.

Di seguito propongo tre brani rappresentativi della puntata.

L’ultimo è una vera chicca, anche per merito di un’ineguagliabile presentazione!

Mi è venuto spontaneo il confronto con la musica commerciale che ha riempito le radio questa estate, ed ho concluso che cambiano stili e contenuti: quelli di allora mielosi, quelli di oggi ballerecci, ma la qualità è la stessa: pessima!

27 risposte a "Cambiano stili e contenuti, ma non la qualità"

  1. Non ho seguito regolarmente la trasmissione, ma ogni volta che l’ho fatto mi sono stupita come, con tutto l’archivio Rai, riuscissero a trovare il peggio. E mai una volta che abbiano passato gli spettacoli della Dandini e di Corrado Guzzanti! Una sera che c’era il Trio, pure lì hanno trovato gli sketch meno riusciti!

    Piace a 1 persona

      1. E invece l’ho fatto, per anni, nella più famosa radio privata della mia città. Ho cominciato nel lontanissimo 1976, e nel 1983 ho detto basta per problemi vari, e poi le radio private stavano diventando troppo commerciali.
        🙂

        "Mi piace"

      2. In effetti lo facevo da professionista, avevo un regolare stipendio, ed era un lavoro che mi piaceva moltissimo. Avrei volentieri continuato a farlo se il panorama musicale non mi fosse diventato “inascoltabile”. In effetti sono di gusti difficili. 🙂

        "Mi piace"

      1. I Pooh non mi sono mai piaciuti, però sono dei grandi musicisti. Quando ho smesso di lavorare in radio ho portato a casa alcuni cd, tra cui “Parsifal” dei Pooh che, secondo me, è un capolavoro sia come testi sia musicalmente. “I cugini di campagna!” non li tocco neanche con un bastone, però un paio di anni fa sono venuti a “suonare” in un locale del mio paese e i miei amici mi hanno trascinata a vederli. Amici tutti rockettari/metallari :-))

        Piace a 1 persona

      2. Di Viola Valentino mi piaceva la parte in uno dei film più trucidi e trash mai fatti con Tomas Miliam che la guardava cantare! E comunque era una gran bella gnocca! 😀

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.