AMORE · Opinione

Il deposito dell’amore

Almeno una volta nella vita succede di dover smontare un amore e buttarlo nella spazzatura.
Sì, è una delle mie usuali metafore per dire una cosa che credo tocchi chiunque prima o poi.
Per esempio, partendo dal più semplice (si fa per dire), quando siamo costretti a rinunciare ad un animale che ci teneva tanta compagnia, sino ad arrivare alle privazioni devastati come la donna che perde il bambino per il quale aveva già preparato stanzetta e corredino oltre ad un cuore immenso per poterlo ospitare come si deve.

Tra questi due punti in mezzo ci stanno tanti altri amori, i più comuni sono quelli che nascono nei confronti di qualcuno con cui vorremo instaurare un rapporto di coppia. Non obbligatoriamente per metter su famiglia, ma per stare insieme come amici, complici e amanti che, secondo il mio gusto, è la forma più avvincente di “stare insieme”.

Avendo, (mio malgrado), una vita sentimentale piuttosto movimentata, di queste forme d’amore a me è successo doverne smontare un discreto numero. Naturalmente senza designare alcun colpevole, poiché capita d’innamorarsi per sbaglio, per leggerezza, per noia o per fame d’affetto.

Così vivendo, ogni volta mi vedo come falegname che mette tutta la sua arte nel costruire uno scrigno per contenere una pietra preziosa e poi gli rifilano un fondo di bottiglia, perciò il portagioie non serve più e lui lo disfa per recuperare il legno.

Purtroppo il perduto amore viene buttato via per evitare di soffrire perché, chi se lo porta appresso, rischia di restarne schiavo o peggio ancora morirci dentro.
E’ un vero peccato che tutto questo bene inutilmente prodotto venga sprecato. Quindi ho pensato che sarebbe bello poter riciclare l’amore come si fa con la carta o la plastica.

Servirebbe inventare un deposito dove accogliere l’amore dismesso, passarlo in un depuratore per eliminare scorie di sofferenza e risentimento e renderlo disponibile per chiunque ne abbia bisogno.

E’ una delle mie solite idee bislacche.
Però quando penso a tutto l’amore che buttiamo via non posso fare a meno di immaginare una persona delusa e triste mentre ripone in un cassetto nascosto fotografie, lettere, oggetti vari usati “insieme”, per dimenticare in fretta l’amato bene ormai perduto.
Ma il sentimento non si può riporre in un cassetto perché resta in circolo dentro il nostro corpo e fa stare male.

Ecco che qui arriva in soccorso il deposito degli amori inutili, si va “là” ad alleggerire il cuore regalando il nostro prodotto giacente che verrà riciclato e messo a disposizione di chi ne ha necessità.

E’ una storiella per bambini vero? Lo so, ma che ci posso fare: la mia bimba interiore non crescerà mai.

E adesso una bella badilata di miele ci sta d’incanto. Beccatevi questo brano, languido e carezzevole, accompagnato da una delle scene più zuccherose del film “Vi presento Joe Balck”.

8 risposte a "Il deposito dell’amore"

  1. Mi lasci esausto con la tua riflessione amorosa. Non so quale sarà la dimensione dei benedetti depositi di amore spezzato, ma sembra molto divertente provarci. Hai un modo divertente di descriverlo e ciò che sembra una tragedia finisce per essere esilarante. Sei una scrittura colossale in quello stile.

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.