Diritti d'autore · EVAP-I-RATA (Evapirata) · Opinione

WWW quanti occhi grandi che hai (semicit.)

Tra le tante novità che certi social network hanno portato sul web è stato pure scoperchiato un gran calderone colmo di poeti o aspiranti tali. Tantissimi ispirati da parole che sempre hanno dato luce a frasi, aforismi e poesie dedicate.

Una di queste è la parola “occhi”.
L’altro giorno, in meno di venti minuti, mi sono passate davanti queste “liriche” tutte “sparate” sopra gli occhi.

Ne riporto qualcuna giusto per esemplificare:

“Per me parte tutto dagli occhi, quel tipo di sguardo che sa andare oltre la superfici”

“Sarà che se sfioro le labbra di qualcuno guardandolo negli occhi, io poi quegli occhi li voglio rivedere”

“Puoi credere agli occhi. Quando le parole mentono.”

“Non nascondere i tuoi sentimenti dietro una maschera, gli occhi parlano per te”

“Gli occhi che ci fanno sentire belli davvero sono quelli di chi ci ama.”

“E’ che se devo mentire non posso guardarti negli occhi, loro mi tradirebbero.”

“Ogni risveglio dovrebbe avere i tuoi occhi”

“Occhi. Senza quelli il mondo sarebbe meno bello. I tuoi.”

“Guardami negli occhi. Perché io posso dirti anche che ti odio Ma loro ti diranno Che ti amo …”

“Ci sono occhi che ti guardano e occhi che non smetteresti mai di guardare.”

“Cercavo la felicità nei suoi occhi, sulle sue labbra, nel suo sorriso. Cercavo la felicità in ogni angolo del suo viso.”

“È perfetta. D’ascoltare, da ballare ad occhi chiusi. Per sognare.”

E’ vero che la parola “occhi” ispira a scatola chiusa

Curiosando altrove ho trovato nomi eclatanti anch’essi ammaliati dagli occhi.
Se avete voglia date “un’occhiata” qui
http://aforismi.meglio.it/frasi-sguardo.htm

E sul web troviamo anche le canzoni ovviamente

Ne butto qualcuna pescata a caso

Occhi di ragaTTa
Occhi di ragaTTa
I miei occhi evaporati
I miei occhi evaporati

Questi parlano davvero

Occhi che hanno visto tanto...
Occhi che hanno visto tanto…

 Non sono blu ma quella sotto non poteva mancare

Gli occhi non sono blu
ma l’immagine s’intona alla canzone che non poteva mancare

OCCHIOLINO

😉

17 risposte a "WWW quanti occhi grandi che hai (semicit.)"

    1. Ma certo Anna Maria, io non mi riferisco tanto alla tecnica quanto alla banalità dei testi. Talvolta ne leggo di assurdi e senza senso che però sono bellissimi e hanno ritmo, musicalità o dolcezza, pur esprimendo concetti fuori d ogni logica poetica.

      Piace a 1 persona

  1. Un post interessante.
    Leggendo le “liriche” che hai trascritto, mi hai fatto riflettere che molti attuali “poeti” hanno dimenticato che per “fare” poesia, bisognerebbe aver studiato un po’ di metrica. Alcuni pensano di scrivere poesie per il semplice fatto che scrivono frasi carine spezzandole, andando a capo.

    Piace a 1 persona

    1. Girovagando per il vari blog specifici o a caso sul web, leggo atrocità spacciate per poesia e mi si accappona la pelle. E il bello è che ne sfornano dieci al giorno. Ma perché? Ve bene che ognuno a casa propria può fare ciò che vuole, ma un po’ di dignità non guasterebbe.

      Piace a 1 persona

      1. E’ che molti si svegliano una mattina, pigliano un pennello o una penna, scarabocchiano qualcosa e si sentono “artisti” senza sapere nulla dello studio che ci deve essere dietro a ogni “mestiere”.

        Piace a 1 persona

      2. Già, a volte mi verrebbe voglia di scrivere qualche commento “chiarificatore”, poi penso non ne valga la pena e mi faccio i fatti miei.
        Del resto ci sono giornalisti che non sanno scrivere e fanno anche i critici d’arte, oppure raccontano panzane senza nemmeno essersi presi la briga di approfondire l’argomento che trattano o di indagare su un evento…al giorno d’oggi impera la superficialità e l’arroganza dell’ignoranza, la quale dilaga molto di più dell’umiltà dell’intelligenza e della saggezza.
        Un abbraccio ragazza speciale, un abbraccio da una vecchietta cocciuta.

        Piace a 1 persona

      3. Anch’io a volte sono tentata di scrivere commenti sotto certe poesie, ma evito poiché ritengo di non potermi permettere di giudicare chi si fa i fatti suoi a casa propria. E, come dici tu, c’è la grossa piaga dei giornalisti incapaci, incompetenti, impreparati e ignoranti che è ben peggio di una innocua brutta poesia.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.