comunicazione · EVAP-I-RATA (Evapirata) · Lifestyle · Opinione

Gli oggetti parlano

Osservando gli umani nei centri commerciali ho scoperto che gli oggetti in vendita parlano. Qualcuno dice “comprami comprarmi”, ma tutti dicono “toccami toccami”.

Per buona parte del mese di dicembre ho lavorato nel reparto giocattoli e, ovviamente, i bambini toccavano ma…con parsimonia, a differenza dei “grandi” che toccavano, giocavano, spostavano, rompevano e poi nascondevano. La scorsa settimana ero, invece, a parlare di caffè nel reparto elettrodomestici, e ho notato che il fascino delle macchine da caffè, per gli adulti, è pari o superiore a quello dei giocattoli: coppie signorili e attempate smotavano allegramente i modelli in esposizione senza poi riuscire a ripristinare i pezzi in modo appropriato. É stato uno spasso vedere come guardavano intorno temendo di essere colti sul fatto mentre cercavano di occultare il pezzo ingombrante. Io, da brava dispettosa, con un grande sorriso offrivo loro un buon caffè.

😀

42 risposte a "Gli oggetti parlano"

  1. Conosco quella attitudine.
    E’ un costume ancestrale, di quando il luogo deputato all’acquisto era il mercato, e la merce era quasi esclusivamente alimentare. Le signore palpavano mandarini, baccalà, sedani, cocozze, e il loro tatto ne coglieva l’essenza e la veracità.
    Anche le macchine del caffè, o i televisori, o le scarpe sportive, o le casseruole, con questo esame tattile prendono vita e mandano messaggi subliminali di incontrollabile seduzione, e da cliente costui diviene preda. E’ la società dei consumi, baby…

    Liked by 6 people

    1. Quando faccio promozione per il cioccolato c’era gente che veniva a “degustare” e poi andava altrove, ma io sono lì apposta per offrire assaggi. Talvolta, dovendo assentarmi per alcuni minuti, al ritorno trovo il vassoio deserto!

      Liked by 1 persona

  2. Il tuo blog non mi riconosce più come iscritta! pur ricevendo nel reader i tuoi aggiornamenti! Se cerco di riscrivermi inserendo la mail, come mi chiede di fare, non la riconosce! BoH! misteri di WordPress!! E pure il !mi piace” ho dovuto metterlo dal reader …che ho fatto di male?? 😀 😀 😀

    Liked by 1 persona

    1. Non hai fatto nulla di male, ogni volta che WP cerca di fare degli aggiornamenti, stai tranquilla che qualche disastro succede. Io sono finita in spam per una settimana circa un mese fa, tutti gli amici avvisati per mail mi ripescavano in continuazione, ero quasi disperata … poi tutto si è sistemato. Abbi fede e … aspetta! 😀

      Liked by 1 persona

  3. Ti confesso che mi è capitato di fare merenda con gli “assaggini” … ma anche di più … una volta c’erano delle ciotoline di risotto e con qualche bis io e la mia amica abbiamo pranzato, poi siamo passate alle bevande e infine al caffè … però quel giorno non c’era il dolce! Certo, bisogna avere la faccia tosta di passare due o tre volte dallo stesso posto … ma quella non mi manca, anzi, mi diverto molto a fare certe cose … hahahaha! 😛 😀 😛 Ciao, Nadia, buon pomeriggio. ❤ ❤ ❤

    Liked by 1 persona

  4. Io invece quando si andava al centro commerciale con gli amici avevo il vizio di dileguarmi e di farli chiamare al microfono per nome e cognome, come fossero bambini smarriti…
    Si arrabbiavano tantissimo.
    Ora però sono cresciuto e non lo faccio (quasi) più.
    Complimenti per il blog e il modo in cui scrivi, penso che passerò di tanto in tanto a fare un saluto!

    Luca.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...