comunicazione · LETTURE · LIBRI · Scrittura

Sole rosso

Qualche giorno fa scrivendo il post “Stella di frontiera” lamentavo il fatto di non trovare una foto personale con una stella, perciò, in sostiruzione, mettevo l’immagine di un sole al tramonto; ma giustamente, l’amica blogger Elena del blog “Non solo campagna” mi faceva notare che il sole è una stella, mentre Luca Paladini titolare del blog “Parole in processione” specificava che il sole è proprio una stella di frontiera. Ora li voglio ringraziare per l’aiuto dedicando loro la mia storia di un colore, il rosso, inserita nel racconto “Emozioni a colori”.

“IL ROSSO
Il rosso è un colore che urla, qualunque cosa faccia, appare e urla.
Urla nell’arena per attirare il toro, urla quando corre col sangue, urla quando corre sulla Ferrari.
Il rosso non mi piace perché non sopporto chi urla, salvo che stia cantando, oppure sia una fragola.
Però ho visto un rosso che mi è piaciuto, anzi stava per diventarlo…rosso…e anche se si è messo ad urlare mi ha riempita di emozione.
Quasi mattina, un’estate qualunque. Guardo la collina di fronte a me. Tutto è ancora proprietà della notte, blu profondo.
Osservo questo magnifico blu, non ho dormito ed ho nella gola un grumo di emozioni forti, non riesco ad andare a letto, troppa adrenalina. Ho bisogno di rallentare ma non riesco.
Il blu schiarisce piano piano, poi più in fretta. Diventa celeste.
Vedo la sagoma della collina, netta e scusa.
Sembra che qualcuno abbia acceso un faro bianco là in fondo.
Il celeste schiarisce ancora. Appare un tenue arancio che sale dietro la collina, sale ancora e diventa più prepotente; ancora un po’ e comincia a lottare con il celeste e mentre lotta si rivela…è il rosso, il rosso dell’alba che spinge. Vuole spingere via la notte.
Adesso si stanno mescolando, il rosso e il celeste. Si stanno mescolando e formano una miriade di sfumature e continuano a lottare perché la notte non se ne vuole andare e il giorno vuole impadronirsi del cielo.
Il rosso accentua la propria forza e spinge. Adesso grida, e grida e urla con mille braccia tese a spazzare la notte, ora è fortissimo e ancora di più urla e si allarga sino a fare scomparire ogni traccia di celeste.
Si spande dappertutto per fare spazio al sole, rosso grandissimo e tondo, è apparso sopra la collina, così all’improvviso e io lo guardo entra nei miei occhi e mi colora l’anima e percuote le mie vene, il sole rosso entra in me. Un’emozione straripante.
Finalmente posso riposare, serenamente spossata.”

Ah dimenticavo, se può interessarvi, il racconto è contenuto nel mio libro “Storie di un illustratore di coriandoli” che potete trovare qui, viceversa spero che non scoraggi la lettura delle mie “opere”. 😀

Clicca per sapere come acquistare il libro

Dai, ogni tanto un po’ di pubblicità ci sta.    😉

12 thoughts on “Sole rosso

  1. Ciao, Nadia, dopo ripasserò a leggere, ma, per onor del vero, non è stata Giuliana a farti notare che il sole è una stella, ma Elena di Nonsolocampagna …. mi ricordavo così e sono andata a rivedere il post … è proprio Elena. Baci, baci, baci! ❤ ❤ ❤

    Mi piace

    1. Corretta la gaffe imperdonabile, chiedo scusa ad Elena che è sempre così presente e attenta. Spero mi perdoni, l’unica cosa che posso dire a mia discolpa è che non per niente mi chiamo Evaporata. Però è proprio una mia mancanza. :-/

      Liked by 1 persona

      1. Elena ti perdonerà sicuramente, è davvero molto sensibile e dolce. Mi sembrava giusto dirtelo … sei Evaporata, però, non Svaporata … Hahahaha 😛 Però, sei troppo forte! Ti abbraccio con affetto. ❤

        Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...