Uncategorized

C(O)(A)NTIAMO

Qualcuno stamattina mi ha ricordato il post che ho scritto esattamente un anno fa. Io non lo ricordavo più, ma vedo che potrebbe essere scritto oggi. Cambiano solo i nomi dei cadaveri.

Anche questa sera siamo (quasi) tutti impegnati a contare un po’ di cadaveri.

Quelli di oggi fanno particolarmente clamore poiché i morti sono stati ammazzati da qualcuno a cui non piacevano i loro disegni. E’ così che me lo ha raccontato una bambina che ho incontrato mentre tornavo a casa.

E siccome né io né lei riusciamo a capire tutte quelle parole che dicono ogni volta in tv, sui giornali e sul web, ogni volta che ci sono tanti morti uno sull’altro come la settimana scorsa dentro il traghetto, o tutti i giorni dentro i barconi, dentro le case dove nessuno vede che cosa succede e allora si parla si parla di una mamma che forse è stata lei o non è stata lei, o del marito che ha fatto sparire la moglie però non si sa perché prima c’erano altri morti ammazzati da uno che ha dato di matto…

View original post 152 altre parole

One thought on “C(O)(A)NTIAMO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...