Uncategorized

Senilità e catarsi

Ho aperto l’anta della Vergine di Norimberga e, invece degli aghi di tortura, guardate che bella sorpresa ho trovato.

Vizi di forma

12177787_10203972864842550_1070692590_n

Cammino di spalle
guardando al trascorso
con le gambe stanche
e il passo esperto.
Aspettando
la fine.

Vedo i giovani correre sul prato della vita,
come sfumature gialle di un tramonto
che un tempo sfolgorava alle mie luci.

Un ruga profonda
nasconde un bambino
che forte di ignoranza
respirava i profumi
nuovi.
Greve, dolce, la vita.

Vecchio, appellativo strano
che ancora non so
s’è lode o spasimo,
s’è bene o male.
Ma la mia ombra
è la stessa.

Io, anzi tempo
catapultato
nel meraviglioso gioco,
ancora non capisco,
prossimo a finire,
il suo regolamento.

Dapprima seme,
poi germoglio,
e fiore, straordinario
prodigioso fiore,
sono albero maestoso
dalle fronde stanche.

Ora, ch’è a due passi,
Empireo si fa vero
e profumato
di una fragranza
che sa di pace
meritata.

Saluto il mondo
ed esplodo
dal corpo mio
con la cura
di non fare
rumore.

Terra, dannazione! Terra!
Mi sconvolge lasciarti,
che mi sei stata madre,

View original post 20 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...