Opinione

CHIARO SCURO

...

Nei mesi di transito tra una stagione e l’altra le giornate propongono una continua alternanza di luce e buio, tepore e freddezza.
Talvolta gli occhi si abituano alla penombra e quando arriva il sole abbaglia e dà fastidio.
Per uscire servono gli occhiali scuri, bisogna attenuare questa luminosità così invadente.
Spesso io non riesco ad apprezzarla, mi piace che non ci sia brutto tempo, ma tutta questa luce a che cosa serve?
A vedere meglio? Non credo.
A mettere allegria? Forse per qualcuno.
La contrapposizione tra luce e buio, tra chiaro e scuro, giorno e notte l’ho sempre sentita profondamente dentro me. Succede a chiunque lo so.
Come tante persone che vivono in modo dissociato, anch’io sono metà luce e metà buio.

...

Queste peculiarità sarebbero un grande privilegio se riuscissero a starmi dentro in armonia tra loro, invece non sono facilmente governabili e rendono la vita difficile.
Riuscire ad utilizzarle nel modo appropriato quando serve una o l’altra porterebbe vantaggi interessanti. Riflessione ovvia, ma d’obbligo.
Poiché sono convinta che possedere la prerogativa di essere poliedrici, variegati, versatili, eclettici, – insomma complessi – sia un vantaggio, da tutta la vita inseguo la capacità di imparare ad usare positivamente queste caratteristiche. Purtroppo ci riesco raramente in modo davvero efficace, qualche volta in modo maldestro, spesso con effetti poco rassicuranti.
Per la maggior parte del mio tempo di veglia e dormiveglia (non dormo mai profondamente) questi chiaro scuri si alternano a loro piacimento facendomi rimbalzare come una pallina di gomma da una parete all’altra della vita, lacerandomi con profondi ematomi che ormai non vedo nemmeno più.
Ad essere sincera ho una lieve predilezione per la mia parte oscura, però la porzione luminosa è più utile nella vita quotidiana.
Il fatto che asserisca questo indica una certa dimestichezza nell’uso delle due specialità, ma come detto prima non è facile.
Adesso non so esattamente dove mi trovo, al buio o in luce? In penombra, sì in penombra.
Quando cado nella zona delle tenebre riesco a far uscire pensieri eccellenti dal punto di vista dell’originalità, ma a volte sono talmente in danno che prego un nessuno qualunque di venirmi a salvare.
Quando m’illumino vedo il bello che riesco a spargere intorno a me, ma non per me.
So che non uscirò mai da questo modo di essere perché altrimenti sarei qualcun altro e non me stessa.
Sono quindi destinata a vivere up & down continui.
Probabilmente fossi diversa mi annoierei a morte.
In fondo la cosa importante è non trovarsi in un grigio statico uniforme e totale che appiattisce ed avvilisce chiunque sia costretto a portarselo dentro.

...

14 thoughts on “CHIARO SCURO

  1. «Allora quale via sceglierai… quella della luce o quell dell’oscurità?»
    «Nessuna delle due, camminerò in mezzo»
    «Dunque scegli la via del crepuscolo?»
    «No. La via dell’alba».
    Mi hai fatto ricordare questo scambio di battute, un dialogo che amo tantissimo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...