Uncategorized

Cose che ho imparato dalle mie tette. Piccole.

Condivido appassionatamente 😀

prima o poi l'amore arriva. E t'incula.

Le donne più anziane di casa, le toscane, lo chiamavano il petto, “vedrai che ti crescerà il petto, abbi pazienza, noi in famiglia si sviluppa tardi”. Questa storia dello sviluppo tardivo non ha fatto altro che tenermi legata troppo a lungo a un filo di speranza: il petto arriverà, mi dicevo, ma era più facile che mi spuntassero le ali. Le mie tette sono minimal e tra me e loro è stata una lunga storia d’amore e odio. Tutto è iniziato nell’estate tra i dieci e gli undici anni, ero cicciottella allora e alle tre pieghe della pancia che mi si formavano da seduta se ne aggiunse una quarta, più piccolina ma capezzoluta. Definirla seno era troppo, per mia madre non meritava nemmeno la parte sopra del bikini. Quando vedo ragazzine in spiaggia nella stessa condizione, la tenerezza ha il sopravvento, vorrei avvicinarmi, dir loro “passerà, andrà meglio”, ma si…

View original post 755 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...