Scrittura

LO SCRITTORE E’ FATTO A STRATI #Scrittura28

LO SCRITTORE E’ FATTO A STRATI

E meno male. Perché la scrittura, si sa, sa spellare. Se tu, che hai la penna come protesi, potessi scegliere che pelle indossare quando vesti i panni dello scribacchino, questa pelle di che materiale sarebbe fatta?

Ma che domanda del piffero!

Se l’inchiostro è nelle vene e ho la penna come protesi, la risposta sorge spontanea (come diceva quel tale) mi serve la carta su cui scrivere, perciò la mia pelle dovrebbe essere fatta di fogli di carta da staccare. Come un grande bloc notes che non finisce mai.

Poetando
Per dire

Così scrivo e riscrivo, se non piace straccio e rifaccio.

Per fare
Per fare

Posso continuare a scrivere all’infinito perché ho tutto ciò che mi occorre per far vivere lo scribacchino che c’è in me dando, inoltre, un valido contributo alla salvaguardia degli alberi che non sarebbero più tagliati per produrre carta. E, in ultima analisi, potrei riciclare i fogli scartati per rattopparmi il corpo, oppure per fare palle da utilizzare per accendere il camino o inventare qualche giochino.

Per esempio
Per esempio

 

Come scritto nella domanda “la scrittura sa spellare”. Mi spello e mi rimpello.

Per te
Per te

 

 

 

2 thoughts on “LO SCRITTORE E’ FATTO A STRATI #Scrittura28

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...