AMORE · Freak · Humour

LINGUA VIOLA

Nonostante le tempeste di tutte le stagioni l’acqua è ancora limpida dentro il torrentello tortuoso e saltellante che mi scorre nel cuore.
Da tempo abbiamo irrobustito gli argini con possenti bastioni ad evitare scorrerie irruenti quanto improvvise come solo questi piccoli fiumi sanno inventare.
Memori di quanto sia stato demolito e recuperato con fatica negli anni trascorsi a spendere e spandere innamoramenti spensierati vissuti senza il minimo risparmio di energica e doverosa sofferente intensità.
Sì, perché l’innamoramento semplice facile non esiste, non è innamoramento è altra cosa.
E’ altra cosa anche quando muta in amore, ma nella mia carriera non sono mai stata capace di trasformare l’innamoramento in amore.
Mi sono innamorata follemente senza mai riuscire ad amare il soggetto che suscitava in me tante emozioni.
Ci sono stati rari, ma spettacolari momenti in cui l’intensità delle emozioni era così vasta da risultare pressoché insopportabile. Momenti certo, attimi fugaci ma indimenticabili e succulenti come i frutti del gelso che cascano a pioggia all’inizio dell’estate dolci di una dolcezza imbarazzante che lascia la lingua viola indelebile.
E poi?
E poi la chiudo qui, andandomene via con la lingua ancora tinta di viola perché ormai questa storia l’ho ripetuta centinaia di volte e comincio a diventarmi noiosa da sola.

Quale amore, quanti amori.
Quale amore, quanti amori.

10 thoughts on “LINGUA VIOLA

  1. Quanti pensieri mi suscitata questo post…
    Ho fatto esperienze simmetriche alle tue, pochi amori, lunghi e costruiti, nessun innamoramento. Eppure ora mi sono stufato di costruire da solo, preferisco piccoli passi percorsi tenendosi per mano, forse la strada che si percorre alla fine è più lunga.

    Mi piace

  2. “L’amore comincia quando ci accorgiamo di aver sbagliato ancora una volta”, sono le parole di Ennio Flaiano che, di tanto in tanto, mi regalano un po’ di conforto. Il punto in cui si “cade” è quello che hai testè indicato: trasformare l’innamoramento in amore.
    Grazie, come sempre, per le parole che ci regali.
    Renato

    Mi piace

      1. Le more!!! le more!!! le more!!! le adoro! ci passo l’estate a bucarmi le dita e a fare acrobazie, perché come sono appena colte e calde di sole… SLURP!!!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...