CULTURA ARTE · LETTURE · Opinione

Recensione a “Storie senza mutande” di Claudio Marchese e Riccardo Di Salvo

Dall’Italia a New York sulle ali del sesso

Nadia Mogni alias Evaporata vive sulle colline dell’Oltrepo Pavese, a Salice ma ha le antenne tese verso il mondo, su scala planetaria. Viaggiatrice instancabile nel reale e nell’immaginario, cerca e trova la realizzazione dei propri sogni. Amante dei viaggi avventurosi, si affida al nomadismo del desiderio e non si stanca di sperimentare nuovi itinerari. In questo suo continuo spostamento di prospettiva, appare più cosmopolita di tante intellettuali post – femministe un po’ frustrate. Nadia non ha paura di esibire il proprio corpo come strumento di libidine, consapevole com’è che la carne è capace di farla godere. In questa sua traversata dell’immenso territorio dell’eros, non ha paura di incontri pericolosi. E’ così abile che saprebbe mediare anche con uno stupratore, trasformando la violenza dell’antagonista nell’estremo piacere dell’amante occasionale. Ulisse in versione femminile, si affida al mare aperto, affrontando sirene e mostri inquietanti. Nadia non ama le tecniche del sesso sadomaso  con catene e bondage, oggi di moda nei locali libertini. A queste pratiche modaiole lei preferisce il kamasutra carnale, senza complicazioni inutilmente intellettualistiche.

Dai boschi oltre padani ai grattacieli di New York la scrittrice ci porta con sé in viaggio, sul ritmo della sua adrenalina. “Dopo essersi dilungati in sottili giochi di erotismo silvestre, fuggendo per poi prendersi l’un l’altro, consumarono un prolungato coito ora in piedi contro un albero, ora lei aggrappata con le cosce ai fianchi del maschio che spingeva penetrandola fino all’ombelico”.

Poi il volo verso gli States, destinazione New York “Una serata davvero pazza da sola in un locale di New York dove non conoscevo nessuno a conversare d’arte che non conoscevo. Chiacchierare e ballare con chiunque come se fossi un’abituale frequentatrice dell’ambiente, incurante del tacco 12 che non portavo mai…”.

Questi racconti hanno il sapore piccante di “Storie di ordinaria follia” in cui Bukowski, indiscusso maestro del porno racconto, è moderno Boccaccio in versione Hard.

Le femministe si strapperebbero i capelli nel vedere il corpo della donna usato come strumento di lussuria. Ma è solo una questione di prospettiva. Le femministe vecchia maniera non hanno mai voluto ammettere che la lussuria è una espressione di potenza non una debolezza dell’essere. Nadia scrive di sesso con la disinvolta innocenza con cui la diva Moana in un suo celebre film, dopo aver spremuto tre o quatto partner, si rivolge all’ultimo e gli dice “Adesso è ora di cambiare partner”.

Il nuovissimo
Maneggiare con cura
By Evaporata
By Evaporata

Catalogo delle storie

Tutte le storie
Tutte le storie

PER ACQUISTARE IL LIBRO IN VERSIONE CARTACEA CLICCA SU QUESTO LINK

https://evaporata.com/2013/09/15/direttamente-da-evaporata/

Oppure scrivi a evaporata@gmail.com se vuoi acquistare direttamente dall’autrice la copia firmata

Per l’eBook clicca su questa immagine

Logo
SE DESIDERI ACQUISTARE L’EBOOK CLICCA QUESTA IMMAGINE

6 thoughts on “Recensione a “Storie senza mutande” di Claudio Marchese e Riccardo Di Salvo

  1. Letto anzi divorato questa opera, un vero susseguirsi di sensazioni su carta, come se i pensieri cosi, come si generano nella mente, venissero stampati. Per me, Nadia scrive con un tale candore che nulla è scioccante o volgare, la linea di demarcazione tra ciò che potrebbe essere realtà od immaginazione è talmente eterea da leggere poter leggere questo libro con due visioni, una come storie vissute e l’altra come storie fantastiche. Trovare quell’uomo che sappia capire, accettare ed assecondare una donna di carattere che può essere amante, complice ma che apprezza ancora la dolcezza non è cosi facile. Voglio rileggerlo e leggere le altre opere che sicuramente saranno altre boccate d’aria fresca per la mia mente.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...