Insofferenza

Qualcosa di cui sparlare

Per alleggerire un po’ la tristezza di chi ha finito le vacanze natalizie, oggi pubblico l’elenco dei dieci musicisti italiani (singoli o gruppi) di cui non ho mai comprato e mai comprerò un disco e che avrei tranquillamente defenestrato a fine 2012.

Consapevole di farmi dei nemici, così se la prendono con me e dimenticano che domani si ricomincia, ecco l’elenco:

 

CLAUDIO BAGLIONI (il più tirato tra gli italiani) perché con la sua maglietta fina mi ha tirata lisa già durante l’infanzia.

 

ANTONELLO VENDITTI (l’uomo RayBan) ha scritto canzoni molto belle, ma è talmente palloso sentirlo cantare che mi fa cadere le tette alle ginocchia anche se sono piccole.

 

FABRI FIBRA (il rapper nato già vecchio) L’unico che riesce a farmi odiare il rap.

 

I GEMELLI DIVERSI (per fortuna diversi) Lagnosi come il mal di pancia se erano uguali lo strazio raddoppiava.

 

DOLCENERA (né dolce né nera) Una che se la tira da superstar ma non si riesce a ricordare una sua canzone manco tatuandola nel cervello.

 

ZUCCHERO (….) un grande session man convinto di essere cantautore facendo cover di altri artisti famosi.

 

ARISA Una stordita lanciata a calci da qualche sagra di paese casualmente piovuta a Sanremo.

 

ANNA OXA La sua fama positiva s’è bloccata al primo successo del 1978, poi s’è montata la testa ed è diventata Miss Scappadacagare.

 

MODA’ Ma chi cavolo li ha convinti questi qua ad assassinare la musica?

 

PAOLA E CHIARA Due casi umani nati per far soffrire le orecchie di chi ascolta.

 

Ho citato quelli più rinomati, tralascio i vari Mengoni, Scanu, Carta ecc. perché non arriveranno da nessuna parte, quindi è inutile sprecare parole.

 

La solita cretinata della vostra Evaporata.

 

 

 

CALZE NERE
La mia calza della befana

 

 

 

11 thoughts on “Qualcosa di cui sparlare

  1. beh, innanzitutto tanti auguri 🙂
    e poi, avrei un paio di cose da obiettare ed invece mi fermo a sottolineare le tue lapidarie, essenziali e riuscitissime critiche canore

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...